Pagina Principale | Mappa del sitoInformazioni | Forum

 
  Sei su Regio Esercito
 
Indice Principale

Fascismo

Il Regio Esercito

L'industria bellica

Le campagne di guerra

La R.S.I

Il Regno del Sud

I Reparti

Le Armi

I Mezzi


Indice di sezione

  Le Riforme

  L'Organizzazione

  La Struttura

  La Meccanizzazione

  Storia dei Reparti

  Ordini di battaglia

  I Personaggi

  Indietro



 

Regio Esercito

 


46° Reggimento di fanteria "Reggio"

 

motto: "Tenacia e fermezza nel dovere"

 

  

 

 

 

 

Origini e vicende organiche

Per decreto 8 agosto 1859, con il concorso di volontari in maggior parte veneti, si forma nella Cittadella di Modena un Battaglione Volontari. Dato il continuo afflusso di personale, in pochi giorni i battaglioni divengono tre ed ha così vita il 4° Reggimento Fanteria che è unito al preesistente 3° nella Brigata "Reggio".

Con l'attuazione della legge 11 marzo 1926 sull'ordinamento dell'esercito, assume la denominazione di 46° Reggimento Fanteria "Reggio" rimane articolato su due battaglioni ed a seguito della formazione delle Brigate su tre reggimenti viene assegnato alla XXX Brigata di Fanteria unitamente al 45° "Reggio" ed al 59° "Calabria".

Campagna d'Africa 1935-36

Prende parte al conflitto in Africa Orientale combattendo a Adigrat, Macallè, Endertà, Amba Alagi, Lago Ascianghi e ed entra in Addis Abeba.
Formate le divisioni binarie, dal 15 aprile 1939 è inquadrato nella Divisione di Fanteria "Sabauda" (30a) della quale fanno parte anche il 45°
Reggimento Fanteria e il 16° Reggimento Artiglieria per d.f. e con tale grande unità prende parte al secondo conflitto mondiale.

Guerra 1940-43

1940/42 - Il 10 giugno 1940 il reggimento ha in organico: comando e compagnia comando, tre battaglioni fucilieri, compagnia mortai da 81, batteria armi di accompagnamento da 65/17. Rimane in territorio metropolitano essendo dislocato in Sardegna e fornisce personale alle unità impegnate nei vari fronti di guerra.

1943 - Dopo l'armistizio dell'8 settembre concorre a far sgomberare la Sardegna dai tedeschi, e rimane nell'isola fino al mese di settembre 1944.

 

Unità maggiori

Il 46° Reggimento era così composto:

 

1940-1943

Comando

Compagnia comando,

3 battaglioni fucilieri,

Compagnia mortai da 81,

Batteria armi di accompagnamento da 65/17

 

Campagne di guerra (1940-1943)

 

Data
Divisione
Corpo d'A.
Armata
Gruppo d'Armata
Area di operazioni
1940-43 Sabauda XIII   Sud Sardegna*

* Svolge compiti presidiari fornendo personale alle unità impegnate nei vari fronti.

 

Comandanti (1926-1944)

46° REGGIMENTO FANTERIA "REGGIO" (1926-44)

Col. Gaetano Fortunato

Col. Ettore Troiani

Col. Ettore Mariotti

Col. Antonio Calierno

Col. Giuseppe Stefanelli

Col. Arnaldo Azzi

Col. Giuseppe Locatelli

Col. Francesco Falqui

Col. Ezio Ricci

Col. Giuseppe Barone

Col. Giuseppe Senzi Contugi

Col. Ciro Marchitto
46° REGGIMENTO SICUREZZA INTERNA "SABAUDA" (1944-46)

Col. Aurelio Struffi

Col. Sebastiano Alfieri

Col. Ruggero Fradella

 

Sede

Cagliari (1909-1945)

 

 

 

 

 

 

 

 

 




Pagina Principale | Mappa del sitoInformazioni | Forum