Pagina Principale | Mappa del sitoInformazioni | Forum

 
  Sei su Regio Esercito
 
Indice Principale

Fascismo

Il Regio Esercito

L'industria bellica

Le campagne di guerra

La R.S.I

Il Regno del Sud

I Reparti

Le Armi

I Mezzi


Indice di sezione

  Le Riforme

  L'Organizzazione

  La Struttura

  La Meccanizzazione

  Storia dei Reparti

  Ordini di battaglia

  I Personaggi

  Indietro



 

Regio Esercito

 


3a Divisione di fanteria "Ravenna"

 

 

motto: "_"

 

 

Origini e vicende organiche

Trae origini dalla Brigata "Ravenna" costituita il 16 settembre 1859 che ha alle sue dipendenze organiche il 19° e il 20° Rgt. Fanteria e sciolta nel 1871. In esecuzione della legge 11 marzo 1926 sull'ordinamento dell'esercito, che prevede la costituzione delle brigate su tre reggimenti, il 13 ottobre la Brigata Ravenna si scioglie mentre il 37° Rgt. Fanteria viene assegnato alla III Brigata di Fanteria, tale fino al 1935, poi Brigata di Fanteria del Monferrato (III), che ne assicura la continuitą storica e il 38° Rgt. Fanteria alla IV Brigata di Fanteria. Il 25 marzo 1939 si forma in Alessandria la Divisione di Fanteria Ravenna (3a) che assume alle proprie dipendenze il 37° e 38° Rgt. Fanteria Ravenna e l'11° Rgt. Artiglieria per Divisione di fanteria.

Guerra 1940-43

1940 - La Divisione Ravenna prende parte alle operazioni contro la Francia nel settore alta Roja-Gessi e raggiunge Cima Raus, Cima Cosse e l'abitato di Fontan.
1941 - Nel mese di aprile la G. U. č schierata lungo il confine con la Jugoslavia, tra Caporetto e Santa Lucia d'Isonzo; il 14 si porta in territorio croato e viene impiegata in operazioni di rastrellamento a Urbosko, Loski, Mirns. All'inizio di maggio rientra in territorio metropolitano, prima nella zona di San Pietro del Carso e successivamente ad Alessandria
1942 -
Dopo aver ricevuto ordine di trasferimento al fronte russo, la Ravenna viene portata in zona d'impiego a tergo del XXXV C. d'A., nei pressi di Losovaja. A metą luglio giunge nella zona di Stalino (Doneck) e il 25 a Woroschilowgrad da dove prosegue verso il Donez ed il Don. In agosto unitą della divisione assumono la responsabilitą di un tratto di fronte sul Don, nel settore compreso fra l'ansa di Mamon e la foce del Bogutschar. In questa zona prende parte, dal 20 agosto all'1° settembre, alla prima battaglia difensiva del Don e qualche successo iniziale russo viene frustrato dalla immediata reazione dei reparti della divisione. Un nuovo tentativo di sfondamento effettuato dall'avversario l'11 settembre contro le posizioni di Solonzy viene anch'esso contenuto e respinto. L'11 dicembre unitą russe attaccano in forze su tutto il fronte; nel settore della Divisione Ravenna a sud dell'ansa di Verchnie Mamon la pressione aumenta d'intensitą nei giorni successivi ed alcune unitą sono costrette a cedere consentendo al nemico di aprirsi un varco raggiungendo il tergo della divisione. I russi, continuando nello sfruttamento del successo, raggiungono Tschertkowo nelle lontane retrovie. A partire dal 17 dicembre, la maggior parte delle unitą della Ravenna arretra fino nella zona di Woroschilowgrad e, riordinatesi, la Divisione assume dal 22 al 30 dicembre la difesa dei ponti di Vessalaja e Luganskaja sul Donez.
1943 -
Dall'1° al 6 gennaio la Divisione si trova schierata sulla riva destra del Donez alle dipendenze della sezione di armata tedesca (Corpo d'Armata) Fletter Pico, nell'ansa di Kushilowka, che mantiene fino al 24 gennaio. Avvenuta la rottura del fronte in pił punti, la divisione inizia il ripiegamento, sotto la pressione di unitą corazzate nemiche. Da questa data inizia il ripiegamento sotto la pressione di unitą corazzate russe. Dal 27 al 29 gennaio la Divisione Ravenna raggiunge la zona di Rovenki. Durante la ritirata una aliquota della Divisione fa parte del blocco Nord. La ritirata si svolge tra continui combattimenti. A partire dal 23 dicembre, i reparti della Divisione sono asserragliati nel caposaldo di Tcertkovo, il blocco Nord, formato da italiani e tedeschi, resiste a ripetuti attacchi russi. La sera del 15 gennaio, la Ravenna tenta di rompere l'accerchiamento. Il 17 gennaio raggiunge Belovodsk nelle retrovie finalmente in salvo. I resti della Divisione rientrano in Italia nel mese di aprile. Riordinata, la divisione viene impiegata fino all'8 settembre nella difesa del territorio in Toscana quale grande unitą di manovra nell'ambito del II Corpo d'Armata.
 

Unitą maggiori

La 3a Divisione di Fanteria era cosģ composta:

 

1940

37° Rgt. fanteria "Ravenna"

    1a Cp. fanteria

    2a Cp. fanteria

    3a Cp. fanteria

    1 Cp. mortai

    1 Cp. cannoni (65/17)
38° Rgt. fanteria "Ravenna"

    1a Cp. fanteria

    2a Cp. fanteria

    3a Cp. fanteria

    1 Cp. mortai

    1 Cp. cannoni (65/17)

5a Leg. CC. NN.

11° Rgt. artiglieria (poi 121°)

    1° Gr. Art. leggera

      3 Btr. da 75/18

    2° Gr. Art. leggera

      3 Btr. da 75/18

    28° Gr. Art. pesante

      3 Btr. da 100/17

3° Btg mortai da 81

1 Btg. cannoni controcarro

    3a Cp. (4 pz. da 47/32)

    154a Cp. (4 pz. da 47/32)

3° Btg. Genio

    18a Cp. Genio artieri

    3a Cp. mista telegrafisti/marconisti

    10° Pl. fotoelettricisti

49a Cp. panettieri

7a Cp. sussistenza

128a Colonna leggera sussistenza (mot.)

247a Colonna leggera sussistenza (mot.)

12a Cp. minuto mantenimento (mot.)

18a Sez. Sanitą

    14° Ospedale da campo

    15° Ospedale da campo

    16° Ospedale da campo

    201° Ospedale da campo

    202° Ospedale da campo

    203° Ospedale da campo

    213° Ospedale da campo

    438° Ospedale da campo

    37° Ospedale chirurgico

32a Sez. bagagli

13a Sez. CC.RR.

 

1942

37° Rgt. fanteria "Ravenna"

    1a Cp. fanteria

    2a Cp. fanteria

    3a Cp. fanteria

    1 Cp. mortai da 81

    1 Cp. cannoni (65/17)
38° Rgt. fanteria "Ravenna"

    1a Cp. fanteria

    2a Cp. fanteria

    3a Cp. fanteria

    1 Cp. mortai da 81

    1 Cp. cannoni (65/17)

121° Rgt. artiglieria

    1° Gr. Art. leggera

      3 Btr. da 75/18

    2° Gr. Art. leggera

      3 Btr. da 75/18

    28° Gr. Art. pesante

      3 Btr. da 105/28

III Btg mortai da 81

1 Btg. cannoni controcarro

    3a Cp. (4 pz. da 47/32)

    154a Cp. (4 pz. da 47/32)

3° Btg. Genio

    18a Cp. Genio artieri

    3a Cp. mista telegrafisti/marconisti

    10° Pl. fotoelettricisti

7a Cp. sussistenza

128a Colonna leggera sussistenza (mot.)

247a Colonna leggera sussistenza (mot.)

12a Cp. minuto mantenimento (mot.)

18a Sez. Sanitą

3a Sez. trasporti

2a Unitą Trasporti

7a Sez. mista CC.RR.

8a Sez. mista CC.RR.

53° Ufficio Posta Militare

 

 

Campagne di guerra (1940-1943)

Data
Gr. d'Armata
Armata
C.d'A.
Area di operazioni
1940      

Fronte alpino occidentale

1941       Slovenia, Croazia, territorio metropolitano
1942-43       Russia, territorio metropolitano

 

Comandanti (1939-1943)

Gen. D. Matteo Roux

Gen. D. Edoardo Nebbia (1941)

Gen. D. Francesco Du Pont (1942)

 

Sede

Alessandria

 

 

 

 

 

 

 

 

 




Pagina Principale | Mappa del sitoInformazioni | Forum