Pagina Principale | Mappa del sitoInformazioni | Forum

 
  Sei su Regio Esercito
 
Indice Principale

Fascismo

Il Regio Esercito

L'industria bellica

Le campagne di guerra

La R.S.I

Il Regno del Sud

I Reparti

Le Armi

I Mezzi


Indice di sezione

  Le Riforme

  L'Organizzazione

  La Struttura

  La Meccanizzazione

  Storia dei Reparti

  Ordini di battaglia

  I Personaggi

  Indietro



 


10° Reggimento Bersaglieri

 

motto: "-"

 

 

 

 

 

 

Origini e vicende organiche

Il 10° Reggimento Bersaglieri viene costituito

1940 - 18 novembre, il Reggimento venne dislocato nella zona a Nord di El Mechili, a sostegno dei reparti che erano in fase di ripiegamento. Il 26 novembre, ricevette l'ordine di riportarsi nella zona dell'aeroporto di El Fetejar-Ciglione di Derna, con il compito di ritardare l'avanzata dell'avversario. Il 27 novembre, sulla notte, raggiunte le posizioni assegnate, si scontrò in duri combattimenti con reparti indiani.
A dicembre, il Reggimento fu impiegato in gran fretta per bloccare l'avanzata britannica. Dovette proteggere il ripiegamento di altre unità e inflisse gravi perdite alle file del dispositivo d'attacco avversario, consentendo il mantenimento del Ciglione di Derna per molti giorni e una battuta d'arresto nei combattimenti.
1941 - Ai primi di febbraio, sotto la forte e crescente pressione avversaria, il Reggimento dovette portarsi a Ghemines (Sud Ovest di Bengasi) per riordinarsi oltre la zona di Agedabia. Il 5 febbraio, al km 42 da Agedabia, il XVI battaglione venne affrontato da soverchianti unità nemiche appoggiate da autoblindo inglesi, alle quali dovette far fronte con valore e a costo di estremi sacrifici umani. Il 6 febbraio, il Reggimento fu imbottigliato a Nord di Agedabia e si dissolse in sanguinosi combattimenti. Il giorno successivo, anche il grosso del Reggimento terminò la sua corsa. Venne accerchiato e scarnificato, dopo essersi difeso strenuamente per due giorni consecutivi. Il 13 novembre, il Reggimento, dopo essere stato ricostituito a Palermo su tre battaglioni, XVI, XXTV e LXIII, due compagnie Motociclisti e un reparto armi contraeree e controcarri, al comando del Colonnello Latini raggiunse, in tre scaglioni, la Tunisia nella zona di Biserta e vi costituì una testa di sbarco. Il 15 novembre, il Reggimento ampliò la testa di sbarco con cruenti combattimenti a Donar Chemiti; conquistò il forte francese di Mergazirer; difese le posizioni di Kef Abbed, q. 81 di O. Sedijename e di Est Sema. il 19 novembre, il Reggimento venne posto alle dipendenze del gruppo "Von Broich", che lo posizionò nell'area delle Pescherie. Il XVI battaglione venne schierato nell'entroporto di Biserta e il XXXIV battaglione fu posizionato nella stretta di Tindja per sbarrare le direttrici di Mateur e Tabarka. Fu motivo di encomio del Comando della Divisione "Superga".
Dal 20 novembre si registrarono solo poche scaramucce con reparti francesi. Il 1° dicembre, nello scontro con pattuglie in avanscoperta della 6a compagnia del Tenente Carlo Spataro, avvenuto nella notte, circa 200 uomini di un'avanguardia di un reparto americano ebbero la peggio e furono costretti a ripiegare. Il 1° dicembre, il Reggimento venne attaccato su tutto il fronte da forze avversarie americane rinforzate da paracadutisti, lanciati tra Tinaja e il fiume Domimis, cui inflisse gravi perdite e delle quali fece numerosi prigionieri. Il 6 dicembre, il Reggimento sì trasferì nell'area compresa tra Bir El Kemesse-Kef El Amar-Kef En Sour e Dj Saidan. Il 10 dicembre, il Reggimento respinse alcune sortite di reparti franco-marocchini. il 27 dicembre, una compagnia di formazione, comandata dal Capitano Raffaele Giudice, spintasi in avanti con ardimento e dopo aver procurato gravi perdite tra le file avversarie, catturò numerosi prigionieri fra i quali il comandante inglese del presidio.
1942 - A gennaio, il Reggimento partecipò alla conquista delle posizioni di q. 81 sul fiume Sedjenane e nella successiva difesa delle posizioni prese venne respinto un attacco portato dall'avversario con grande determinazione. Il 26 febbraio, i reparti del Reggimento furono impegnati in cruenti scontri per la conquista delle posizioni ben difese di Gap Serrat, fino alla loro conquista. Il 26 e 27 febbraio, il Reggimento sostenne un'epica lotta per la conquista di q. 239 di Kef Zilia, in una situazione ambientale durissima. Il 27 marzo, ebbe inizio la controffensiva avversaria che portò alla caduta del fronte in Tunisia. Ad aprile, i contrattacchi, condotti con la sola forza della disperazione contro le preponderanti forze avversarie, non valsero a scalfire il loro dispositivo d'attacco. Il 23 e 24 aprile, il 10° Reggimento, il 5° Reggimento, e i marinai del battaglione "Grado" costituirono, con i loro resti, un battaglione di formazione inquadrato nella 1a Armata, al comando del valoroso Maggiore di Cpl. Romagnoli. 24 aprile, il battaglione di formazione 5° e 10° Reggimento iniziò il ripiegamento dalle posizioni di q. 251 di KefAbbed. Nei giorni successivi, 25-26 aprile, il battaglione di formazione ripiegò su q. 312 eDjTelina; il 28 aprile  si trovava a q. 523 di Kef en Sour; il 29 aprile  raggiunse in fase di ripiegamento Ras El Koran; il 30 aprile, in un precipitare di eventi, i resti del 10° e 5° Reggimento, uniti nel battaglione di formazione, occuparono le qq. 376, 360 e 415.
Una compagnia, i superstiti del 10° Reggimento, fu fatta rimpatriare in Sicilia, ove il Reggimento fu ricostituito per la terza volta con il XXXV, il LXXIII e l'LXXXIV battaglione, a difesa dell'isola, in previsione della immanente invasione. Il Reggimento, per tre volte ricostituito, alla terza si estinse, a seguito degli impari combattimenti che dovette affrontare.
 

Unità maggiori

Il 10° Reggimento Bersaglieri era così composto:

 

1940

Comando

Cp. Comando reggimentale

XVI battaglione Bersaglieri autoportata
XXXIV battaglione
Bersaglieri autoportata

XXXV battaglione Bersaglieri autoportata

10a Cp. motocorazzata

10a Cp. controcarri da 47/32

 

1942

Comando

Cp. Comando reggimentale

XVI battaglione Bersaglieri
XXXIV battaglione
Bersaglieri

LXII battaglione Bersaglieri
2 Cp. motociclisti

1 reparto armi contraeree

 

1943

Comando

Cp. Comando reggimentale
XXXV battaglione Bersaglieri

LXXIII battaglione Bersaglieri

LXXXIV battaglione Bersaglieri

 

Campagne di guerra (1940-1943)

 

Data

Divisione

Corpo d'A.
Armata
Gruppo d'Armata
Area di operazioni
1940 Trieste - -   Fronte alpino occidentale
1941-43 Trieste X     Africa Settentrionale

 

Comandanti (1939-1943)

Col. Latini (1942)

 

Sede

-

 

 

 

 

 

 

 

 

 




Pagina Principale | Mappa del sitoInformazioni | Forum