Pagina Principale | Mappa del sitoInformazioni | Forum

 
  Sei su Regio Esercito
 
Indice Principale

Fascismo

Il Regio Esercito

L'industria bellica

Le campagne di guerra

La R.S.I

Il Regno del Sud

I Reparti

Le Armi

I Mezzi


Indice di sezione

Indietro



 

La Campagna d'Etiopia

 

 

Gli avvenimenti militari

 

 

 

OPERAZIONI MILITARI DAL 27 NOVEMBRE AL 31 DICEMBRE 1935

 

 

 

Il Maresciallo Badoglio assume l'alto comando
Con l'occupazione di Macallè e le successive azioni di assestamento, il Generale De Bono aveva esaurito il grave e fatidico compito che a lui era stato affidato: organizzare basi e corpi d'esercito, preparare zona e genti alla guerra, rompere fascisticamente gli indugi e passare il Mareb per riportare ad Adua e a Macallè il tricolore d'Italia. Il Capo del Governo, pertanto, in data 17 novembre, inviava all'Alto Commissario un telegramma, nel quale, considerando compiuta la sua missione, gli dava atto di averla assolta in circostanze estremamente difficili e con risultati che lo additano alla riconoscenza della Nazione. E quale solenne attestato di questa. S. M. il Re elevava il generale De Bono al grado di Maresciallo d'Italia: a riconoscimento della duplice opera nel campo organizzativo ed in quello operativo, compiuta dal Quadrumviro della Rivoluzione.
A sviluppare l'opera di S. E. De Bono, veniva chiamato S.E. il Maresciallo d'Italia Pietro Badoglio, marchese del Sabotino, Capo di Stato Maggiore generale, figura di soldato e di condottiero di grande prestigio e rinomanza acquisiti nella grande guerra e nella preparazione delle forze armate nell'ultimo decennio.
Il Maresciallo Badoglio giungeva all'Asmara il 2fì novembre e tosto assumeva il comando delle forze operanti.
 

Accampamento di truppe abissine

Fonte: Cronache illustrate dell'azione italiana in A.O., Tuminelli e C. Editori, Roma, 1936


La situazione nei vari settori di operazione alla fine di novembre
Durante il mese di novembre, si erano venuti maggiormente sviluppando ed in parte completando i concentramenti di truppe etiopiche in entrambi i fronti, quello eritreo e quello somalo. Dalle nostre ricognizioni aeree e dalle informazioni di varia fonte, si riteneva di poter dedurre che il raggruppamento delle forze nemiche si fosse effettuato in tre zone di raccolta: una settentrionale, una meridionale, una centrale.
Nel settore settentrionale (fronte Eritreo) la massa principale attestava con i suoi elementi più avanzati sopra una linea di circa 200 Km. sviluppandosi lungo il Tacazzè (dal guado di Addi Aitecheb sino alla confluenza col Ghevàj. il basso corso del Ghevà e l'orlo meridionale della conca di Macallè fino a Sechet.
Nel tratto occidentale, a nord di Gondar, campeggiava un nerbo di forze provenienti dal Goggiam agli ordini di Ras Innnirù, capo di quella regione (circa 30.000 uomini).
Ad est, si andava raccogliendo nella zona fra l'Amba Alagi e Quoram una forte massa (dai 50 ai 60 mila uomini) al comando di Ras Cassa Darghié. uno dei Capi più polenti dell'Impero imparentato con la famiglia Imperiale. Questa massa comprendeva gli armati dello stesso ras e quelli di Ras Sejum Mangascià; ad essi del gen. Mariotti, la quale, procedendo melodicamente, stava liberando il terreno dalle moleste retroguardie di Ras Sebhat.
Nel settore meridionale (somalo), risultavano due masse avversarie:
una più numerosa (da 50 a 60 mila armati) nella regione Ogaden-Harrarghiè, agli ordini di Ras Nasibù:
l'altra, valutata circa 40 mila uomini, nelle alte valli degli affluenti del Giuba, al comando di Ras Desta Damtù.
A queste forze abissine il Gen. Graziani opponeva le sue, ripartite in tre nuclei, lungo le tre principali direttrici che consentono la vita ed i movimenti di grosse colonne: davanti a Dolo, sul medio Giuba; attorno a Callafo, sull'Uebi. e fra Gorrahei e Gabredarre, sul Faf.
Una forte massa centrale etiopica, inoltre, agli ordini del Principe ereditario, era in via di raccolta attorno a Dessiè, con compito di manovra e per la difesa della ferrovia, nonché in potenza per rafforzare, in caso di bisogno, l'uno o l'altro degli scacchieri.
A Dessiè, poi. veniva segnalata anche la presenza del quartier generale dell'Imperatore, contornato da una folla di consiglieri europei; primo fra tutti, il generale Wehib Pascià, ufficiale del vecchio esercito turco, che già aveva combattuto contro di noi in Libia.
Quanto alle intenzioni operative attribuite al Negus, non appariva agevole trovare un nesso unitario e logico nelle confuse e contradditorie informazioni. Generalmente, però, il Negus appariva orientato verso l'offensiva, alla quale, del resto, sembrava che l'Imperatore dovesse essere sospinto, oltreché dal prestigio e dalla sicurezza politica della sua posizione personale, anche dal malcontento e dall'ambizione dei vari Capi e dalla necessità di galvanizzare il morale delle sue truppe e delle popolazioni; tanto più che era lecito elevare qualche dubbio circa la coesione morale di queste, appartenenti a razze diverse e spesso contrastanti, prive di un sentimento nazionale, sia pure embrionale.

 

Mitragliatrice dei nostri eritrei in azione

Fonte: Cronache illustrate dell'azione italiana in A.O., Tuminelli e C. Editori, Roma, 1936

 

La zona dei combattimenti di Nai Timchet e Passo Dembeguinà

Fonte: Cronache illustrate dell'azione italiana in A.O., Tuminelli e C. Editori, Roma, 1936

 

Le operazioni sul fronte nord (eritreo) nella prima quindicina di dicembre
Tra gli ultimi giorni di novembre ed i primi di dicembre le truppe del I Corpo d'armata e del Corpo indigeno proseguivano nelle operazioni di rastrellamento, nelle regioni dell'Uombertà e del Tembien; operazioni che davano luogo a qualche vivace scontro con reparti avversari. Così, ad esempio, il giorno 30 novembre, una nostra colonna, inviata dal passo Abarò in ricognizione verso il villaggio di Melfa. al quale si accede attraverso una difficile mulattiera che risale la stretta gola di Alemalè, veniva improvvisamente attaccata da un nucleo di armati nemici, annidati fra le rocce che fiancheggiano l'angusto passaggio. Prontamente ed efficacemente reagivano i nostri, snidando dai loro ripari gli etiopici ed incalzandoli alla baionetta.
L'indomani, la stessa colonna riprendeva il movimento verso Melfa, ma poco a sud del passo Abarò veniva nuovamente attaccata da un più folto gruppo nemico. Anche questa volta, però, lo scontro si chiuse con la sconfitta degli etiopici e con loro notevoli perdite, mentre i nostri ascari non ebbero che qualche ferito.
Parimenti sulla fronte del Corpo d'armata indigeno, il gioivi J 4, armati abissini venivano attaccati e messi in fuga, innanzi a Deliri (a sud-ovest di Macallè). e gruppi avversari venivano anche dispersi, dopo brevi combattimenti, sulla fronte del II Corpo, a sud di Addis Rassi ed a Mai Cannetta, località di pozzi tra Adua e Cacciamo, nel Tembien occidentale. Il comunicato del giorno 7 dicembre, infine, annunciava l'occupazione di Abbi Addi, capoluogo del Tembien. per parte di truppe del Corpo d'armata indigeno, e la sorpresa di un forte gruppo etiopico nella zona del torrente Gabat, a sud-ovest di Macallè. con la cattura di molti prigionieri.
Vivissima. in tutto questo periodo, l'attività della nostra aviazione, la quale, quasi a coronamento del suo assiduo e redditizio lavoro di ricognizione, compiva nei primi giorni di dicembre due importanti azioni di bombardamento. La prima si effettuava contro una colonna di truppe del ras Immirù. in marcia di avvicinamento tra Conciar e Dabat. In tre ondate successive, i nostri apparecchi piombavano sulla grossa colonna, mentre levava il campo, gravemente danneggiandola e sbandandola sotto i duplici efTetti del bombardamento da bassa quota.
Una seconda e più potente azione veniva, quindi, condotta il 6 dicembre nei pressi di Dessiè, sopra un vasto accampamento abissino e su edifizi visibilmente adibiti a scopi militari, anche se abusivamente rannidali sotto i distintivi internazionali della Croce Rossa.
Su questo nostro bombardamento, ch'ebbe risultati efficacissimi, ed anche ammonitori per l'avversario, il Governo etiopico tentò di inscenare una speculazione politica, col diffondere la notizia che fossero stati colpiti alcuni ospedali della Croce Rossa. Ma le chiare e ferme «messe a punto» del nostro Governo valsero a stroncare presto quei bassi tentativi, che però, come vedremo, si ripeteranno in mille forme durante tutta la campagna.

 

Fervore di avanzata e fervore di lavoro

Fonte: Cronache illustrate dell'azione italiana in A.O., Tuminelli e C. Editori, Roma, 1936

 


I combattimenti sul Tacazzè
Da parecchi giorni, frattanto, era incominciata un'intensa attività di pattuglie etiopiche nella zona del Tacazzè. Così, un primo scontro si era avuto nella regione di Addi Rassi (cominciato dal 5 dicembre); in un secondo, nella regione a sud di Edda Encatò, un forte gruppo di armati nemici fu attaccato all'arma bianca da nostri reparti e messo in fuga.
Il giorno 15, finalmente, il nemico manifestava chiaramente, in quel settore, le sue intenzioni aggressive. Alle prime luci dell'alba, notevoli forze avversarie, valutate a non meno di 3000 uomini, bene armati e provvisti di mitragliatrici, di bombe e di altri mezzi moderni, attaccavano improvvisamente i nostri posti avanzati, dislocati presso il guado di Mai Timchet. Le nostre bande eritree, dopo aver opposto per alcune ore una fiera resistenza, ripiegavano, di fronte alla grande preponderanza avversaria, sulle retrostanti posizioni del passo Dembeguinà.
Mentre, però, si svolgeva questa lotta, altri forti nuclei abissini avevano guadato il fiume più a valle (a sud di Addi Aitecheb) e per difficili sentieri avevano già raggiunto il passo di Dembeguinà. impegnandosi con nostri reparti che colà trovavansi per sbarrare la via di Axum. In tal modo, le bande eritree ripieganti dal fiume vennero a trovarsi tra due fuochi, e si videro costrette ad aprirsi il passo all'arma bianca.
Nostre nuove unità entravano intanto sul teatro della lotta che ardeva accanita per due giorni. Ad essa prendeva come sempre at-tivissima parte la nostra aviazione, con effetto notevolissimo, non ostante l'impervio terreno, la fitta vegetazione e gli anfratti rocciosi, che facilitavano l'occultamento avversario. Alla fine, il giorno 17. la colonna abissina che aveva effettuato la mossa aggirante sul passo veniva dispersa, con gravi perdite, ed i nostri si stabilivano saldamente tra Dembeguinà ed Axum.
Le perdite nostre, anch'esse molto notevoli, stanno a dimostrare con quale deciso valore ufficiali e soldati, nazionali ed eritrei, abbiano affrontato la lotta con forze di gran lunga superiori.

 

Artiglieria in azione nel Tembien

Fonte: Cronache illustrate dell'azione italiana in A.O., Tuminelli e C. Editori, Roma, 1936

 

I combattimenti nel Tembien
(Aliasi contemporaneamente all'intensificata azione sul Tacazzè, un'inconsueta attività avversaria si manifestava anche nella zona del Tembien. e più precisamente a sud di Abbi Addi, il capoluogo della regione ed importante centro di comunicazioni, da n-ji occupato nei primi giorni del mese.
Un primo attacco si pronunciò il giorno 19; un gruppo di armali nemici tentò di avvicinarsi alle nostre posizioni, ma fu prontamente contrattaccato e. dopo vivace combattimento, battuto e disperso. Questo non era stato che un tentativo di assaggio, per verificare la consistenza della nostra occupazione. Il mattino del giorno 22. una colonna forte di almeno 5000 armati del degiac Hailiè Cbehbedè, unitamente a due grossi nuclei, comandati da dut-sottocapi di Has Sejum Mangascià. attaccava frontalmente le nostre posizioni sul Tanquà. in corrispondenza di Abbi Addi, mentre un altro forte distaccamento nemico, attraversando il pianoro di R. Andino, cadeva con violenza sulle nostre linee, nei pressi della chiesa di Enda Mariam Quarar. Gli abissini, approfittando del terreno molto rotto e coperto, riuscivano ad oltrepassare il Mai Tanquà e l'abitato di Abbi Addi, mentre dalla chiesa di Enda Mariam tentavano di avvolgere la nostra sinistra.
Le nostre truppe, nazionali ed eritree, contrattaccavano con deciso impeto, riuscendo a sventare la manovra avversaria. Dopo un combattimento accanitissimo, durato circa sei ore e particolarmente aspro presso Enda Mariam. l'avversario, premuto dai nostri era costretto a sospendere gli attacchi ed a ripiegare su Abbi Addi,
Più che mai rilevanti le perdite nemiche. in questa giornata del 22 dicembre; e sensibili anche le perdite nostre.
Anche questo attacco non fu che il prologo di un disegno di manovra più vasto, evidentemente inteso a pronunciare dal Tembien una minaccia sulle nostre linee di comunicazioni Hausien-Macallè.
Non più piccole avvisaglie: si entrava ormai nella fase di vere e proprie azioni strategiche ad ampio raggio e con forti masse.

 

Il Maresciallo Badoglio in ricognizione nel Tembien

Fonte: Cronache illustrate dell'azione italiana in A.O., Tuminelli e C. Editori, Roma, 1936

 

La zona dei combattimenti di Abbi Addi e di Enda Mariam Quarar

Fonte: Cronache illustrate dell'azione italiana in A.O., Tuminelli e C. Editori, Roma, 1936

 

 

Le operazioni sul fronte meridionale (somalo)
Durante il mese di dicembre, non si ebbero in tale settore operazioni di rilievo. Il nostro Comando, cui erano giunte notizie circa le intenzioni offensive di Ras Desta, che si era posto in marcia verso le nostre linee dell'Alto Giuba (Dolo) ne sorvegliava attentamente le mosse, cercando, per intanto, di infliggergli il maggior danno possibile per mezzo dell'aviazione.
Così, ad esempio, dopo il bombardamento del 14 dicembre, presso Neghelli. che si seppe aver prodotto danni e perdite notevoli, altri roncentramenti avversari furono bombardati, il giorno 25 dello stesso mese, fra il Dana ed il Ganale Doria.
Un'azione, di una certa entità, fu svolta negli ultimi giorni del mese, dagli irregolari del sultano degli Sciaveli fin oltre Callafò. ore era segnalata la presenza di un nucleo di truppe etiopiche. al comando del degian Bein Hemerit. Infatti, la colonna potè spingersi, indisturbata, fino a circa 200 chilometri oltre le nostre linee avanzate di Callafò. fortificandosi nei pressi del villaggio di Gabba. Qui. il giorno 26 dicembre, veniva assalita da due forti colonne abissine (circa 5000 uomini) provenienti da nord, e s'ingaggiava un aspro combattimento, che durava oltre 24 ore. Alla fine, però, gli Sciaveli. tempestivamente sostenuti dalla nostra aviazione, riuscivano ad aver ragione dell'avversario ed a respingere gli assalitori i quali lasciavano sul terreno circa 500 morti, tra cui vari Capi e lo stesso comandante di una delle colonne.

 

Le nostre linee avanzate sull'Alto Giuba (Dolo)

Fonte: Cronache illustrate dell'azione italiana in A.O., Tuminelli e C. Editori, Roma, 1936


Il giorno seguente, un'altra banda, al comando del Capii Musatili Hailè degli Ogaden Rer Dalal. a noi sottomessi qualche settimana prima, occupava l'importante località di Danane. centro carovaniero e località d'acqua nella valle del Baua (affluente di sinistra dell'Uebi Scebeli).
Continuavano, frattanto, le sottomissioni di Capi, di notabili, di armati. Dopo quella del surricordato Hussein Hailè. si presentavano anche alle nostre autorità i capi degli Ogaden Makahil. degli Ogaden Rer Elmi, e degli Scekal Au Hassan, facendo atto formale di sottomissione e mettendo i loro armati a nostra disposizione. Il capo Abd el Kerim Mohammed. figlio del Mullah che già erasi sottomesso, portava a termine anch'egli la completa sottomissione della sua tribù. Ogaden Bagheri, consegnando un migliaio di fucili.
Il 13 dicembre, infine, una cerimonia molto importante per la situazione politica delTOgaden si svolgeva a Gorrahei. Si riuniva, cioè, un grande « scir » (assemblea tradizionale), nella quale ben trentacinque capi e notabili, appartenenti al Rer Abdullah. procedevano ad un grande, significativo atto di sottomissione in massa. La gran folla convenuta nell'ampia spianata di Gorrahei conferiva all'avvenimento un vero carattere di solennità, che non poteva non mancare di avere larghe ripercussioni in quelle regioni venute a contatto del nostro esercito liberatore e civilizzatore.

 

 

Amedeo Tosti

 

 

 

 


Pagina Principale | Mappa del sitoInformazioni | Forum